Cosa vedere e dove mangiare a Venezia in un giorno

Image for post
Image for post

Cosa vedere:

  1. Fondaco dei Tedeschi
Image for post
Image for post

Il fondaco dei tedeschi è un centro commerciale di lusso nel cuore di Venezia, proprio sopra al centralissimo ponte di Rialto. Una volta era la sede dei mercanti tedeschi che lo usavano come magazzino e alloggio, per questo motivo il palazzo sul Canal Grande fu chiamato “dei tedeschi”. Il palazzo è a pianta quadrata, ed è articolato intorno ad un unico cortile. All’interno ci sono 4 piani di logge ad arcate a tutto sesto, sui lati dei quali erano disposti i magazzini e le botteghe. La parte che interessa di più a chi non vuole diventare povero, è decisamente la terrazza. Si può godere di una vista a 360 gradi di tutta venezia.

Image for post
Image for post

Biglietto: Gratis, è obbligatoria la prenotazione tramite il sito www.dfs.com/it/venice/t-fondaco-rooftop-terrace

2. Piazza San Marco

Image for post
Image for post

Piazza San Marco è una delle più importanti piazze monumentali italiane, rinomata in tutto il mondo per la sua bellezza e integrità architettonica. Ha forma trapezoidale ed è lunga 170 metri. La piazza si compone in tre parti: la piazza, la piazzetta e la piazzetta dei Leoncini. La bellezza di Piazza San Marco è dovuta anche ai monumenti di gran pregio che ospita.

Questi sono: la Basilica di San Marco, il campanile di San Marco, la libreria Marciana, il Palazzo Ducale, le Procuratie, la Torre dell’Orologio e il Palazzo Reale.

3. Palazzo Ducale

Image for post
Image for post

Palazzo Ducale è sicuramente uno dei più importanti palazzi da vedere a Venezia, ma spesso è facile perdersi in dettagli quando non se ne conosce bene la storia. Un tempo era chiamato Palazzo Doganale, in quanto sede del Doge e delle magistrature veneziane. La visita al museo ci permetterà di scoprire la storia e la cultura della civiltà veneziana, dalle origini e i primi dogi, il palazzo Trecentesco, i rinnovamenti del doge Foscari e il Quattrocento, l’incendio del 1577, le prigioni e gli altri interventi seicenteschi, fino alla fine della Repubblica di Venezia. Gli interni, superbamente decorati da legioni di artisti tra cui Tiziano, Veronese, Tiepolo e Tintoretto, consentono straordinari percorsi di visita:

  • Il museo dell’opera era anticamente una specie di ufficio tecnico preposto alla manutenzione del palazzo e alla gestione degli innumerevoli interventi di riforma e ristrutturazione subiti nel corso della sua lunga storia
  • Il cortile e le logge
  • L’appartamento del Doge
  • Le Sale Istituzionali, dove si svolgeva ai massimi livelli la vita politica e amministrativa della repubblica
  • Le Prigioni: il ponte dei sospiri e le Prigioni Nuove, quest’ultime progettate per migliorare le condizioni di vita dei prigionieri con celle più grandi, illuminate e areate

4. Museo Correr

Image for post
Image for post

Il Museo Correr propone diversi, appassionanti itinerari alla scoperta dell’Arte e della Storia di Venezia.

  • Il primo percorso si snoda lungo le sale “imperiali” del Palazzo Reale, dove l’Imperatrice Elisabetta d’Austria risiedette durante le sue visite nella città lagunare.
  • Al secondo piano, è ospitata la splendida Quadreria che raccoglie importanti capolavori dell’arte veneta dalle origini al Cinquecento. Diciannove sale in cui celebri capolavori si susseguono in un allestimento di Carlo Scarpa.
  • Infine, tornando al primo piano è possibile ammirare le Sale Neoclassiche e la Collezione canoviana recentemente restaurate. Nelle cinque nuove sale delle Procuratie tutte le opere del grande scultore presenti nella collezione sono state riportate all’originario splendore neoclassico, insieme agli apparati decorativi dell’intera sezione canoviana.

5. Museo Archeologico

Image for post
Image for post

Il Museo Archeologico Nazionale di Venezia si trova alato del Museo Correr e della Biblioteca Marciana. Situato in Piazza S. Marco, ospita un’importante raccolta di sculture antiche, tra cui alcuni notevoli originali greci; vi sono inoltre ceramiche, bronzi, gemme e monete, oltre alla collezione archeologica lasciata in deposito dal Museo Civico Correr, che include anche alcune antichità egizie e assiro-babilonesi. Tra le opere esposte, si distingue la scultura del Galata in ginocchio: il soldato sembra colto nel preciso attimo mentre soccombe al nemico. Lo sguardo voltato verso l’alto, verosimilmente in direzione del suo carnefice, lascia trasparire il momento nel quale realizza che non potrà salvarsi.

Biglietto cumulativo per Palazzo Ducale e per il percorso integrato del Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana: Intero 25€, Ridotto 13€

Dove mangiare:

  1. Farini
Image for post
Image for post

Farini è un locale moderno e frequentato a due passi dal ponte di Rialto che offre colazioni, centrifughe, espressi e pranzi artigianali. Non è il solito locale turistico e ha prezzi bassi rispetto alla media. Assolutamente da provare i tranci di pizza.

2. Bigoi

Image for post
Image for post

Bigoi è un piccolo locale con produzione di pasta e sughi artigianali con scaffali di conserve lungo le pareti piastrellate. Questo posto è l’ideale per un pranzo veloce ed è economico.

3. Gelateria di Natura

Image for post
Image for post

Gelateria di Natura si trova in via Campo San Giacomo dall’Orio, a soli 9 minuti dalla stazione dei treni e 10 minuti dal ponte di Rialto. Offre un assortimento ampio e di assoluta qualità: dai mantecati artigianali alle golosità veneto-orientali della linea Michi fino ai tipici dolci della tradizione italiana: biscotti, panettoni, torroni, marmellate, cioccolata, squisite crèpe. Gelato di Natura è l’apprezzato marchio di gelato artigianale prodotto dalla storica azienda Premiata Gelateria Michielan, presente con i suoi punti vendita in numerosi Stati, dall’Italia a vari Paesi europei, dall’Irlanda fino alla Cina.

Written by

I am a Data Science student and a Traveller enthusiast | I learn something new everyday | https://www.linkedin.com/in/eugenia-anello-545711146

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store